Sei colpevole di questi comuni errori SEO?

Quando si tratta di SEO e si cerca di posizionarsi in alto su Google, tutti cercano di superarsi a vicenda. È competitivo, quindi ogni piccola parte di SEO che puoi aggiungere al tuo sito aiuta. Ma diciamocelo… è una lotta!

Ecco alcuni errori comuni che dovresti evitare.

Aggiunta di parole chiave al nome dell’attività della tua scheda Google My Business

Tutti hanno sentito parlare dell’importanza delle parole chiave. Quindi, quando si pensa al proprio elenco di Google My Business (GMB), è naturale per un’azienda pensare che l’aggiunta di parole chiave al nome della propria attività possa aiutare il proprio posizionamento su Google. Parole chiave in un nome commerciale Potere aiuto con le classifiche, MA se quelle parole chiave non fanno parte del nome legale della tua azienda, l’aggiunta di tali parole chiave è in diretta violazione di Linee guida di Google My Business.

Così indovinate un po? Se aggiungi parole chiave al nome della tua azienda nella tua scheda Google My Business, sono appena diventato uno spammer – qualcosa che Google (e il resto dei SEO legittimi nel mondo) disprezza.

Ecco un consiglio forte: non importa quanto sia allettante aggiungere parole chiave al nome della tua attività GMB per cercare di aumentare le classifiche SEO locali, NON FARLO! Non vale la pena rischiare.


Perché è rischioso? I tuoi concorrenti (o chiunque altro, se è per questo) che trovano «spam» nella tua scheda Google My Business possono segnalarti a Google e Google può agire contro la tua scheda, il che NON è una buona cosa.

Lo spam include nomi commerciali pieni di parole chiave, aziende che hanno UPS o indirizzi di uffici virtuali, hanno rivendicato più indirizzi in cui non hanno dipendenti, recensioni false e altro ancora.

Quindi, cosa fai se trovi concorrenti che non hanno buone intenzioni? Joy Hawkins ha scritto un ottimo articolo sul forum di Google My Business che spiega come segnalare correttamente lo spam di Google My Businesse Kaspar Szymanski ha scritto in queste pagine virtuali sulla segnalazione di spam della concorrenza.

Gestire un sito non sicuro

Nel lontano 2014, Google ha annunciato che avere un sito sicuro era un fattore di ranking positivo. Tuttavia, i marketer digitali e i SEO non hanno iniziato a prestare attenzione a questa opportunità SEO fino a poco tempo fa.

Perché l’interruttore? Google ora mostra avvisi «Non sicuro» sul suo popolare browser Chrome per i siti Web che non sono sicuri. Ora i SEO e i gestori di siti web stanno iniziando a prestare attenzione.

Quando un potenziale cliente visita il tuo sito e vede questo avviso «Non sicuro», si fiderà di te? Avranno fiducia nel tuo sito web? Si sentiranno al sicuro inserendo le loro informazioni personali in un modulo sul tuo sito? Probabilmente no. Quindi non solo avere un sito sicuro potenzialmente aiuterà le tue classifiche, ma può anche aiutare con le conversioni del sito web.

Per rendere sicuro il tuo sito, devi prima acquistare un certificato SSL. Puoi acquistare un certificato SSL dall’host del tuo sito web o dal registrar di nomi di dominio. (Nota: devi rinnovare il tuo certificato SSL ogni anno, proprio come un nome di dominio.) Una volta acquistato un certificato SSL, devi installarlo sul tuo sito web. A volte l’host del tuo sito Web eseguirà l’installazione per te (gratuitamente oa pagamento), oppure puoi assumere uno sviluppatore di siti Web per eseguire l’installazione per te.

Può diventare un po’ tecnico e possono sorgere problemi imprevisti quando un certificato SSL viene installato su un sito web. Di solito ho uno sviluppatore web che esegue tutte le mie installazioni di certificati SSL, in modo che possano controllare accuratamente il sito per eventuali problemi che potrebbero essersi verificati a causa dell’installazione. Solo per essere al sicuro.

Un componente importante dell’installazione SSL è eseguire reindirizzamenti 301 che puntano a tutti i tuoi non sicuro URL (http://) al tuo nuovo sicuro URL (https://). Questo è molto importante perché altrimenti, quando una persona fa clic su uno dei tuoi vecchi URL nei risultati di ricerca, verrà inviata a una pagina morta che non esiste più e riceverà un errore. Non lo vuoi.

Alcuni CMS di siti Web hanno plug-in che possono semplificare il processo di reindirizzamento 301, oppure puoi anche assumere uno sviluppatore web per assicurarti che tutte le estremità libere della modifica del tuo sito da un sito non sicuro a un sito sicuro siano ben risolte.

Dal momento che rendere sicuro il tuo sito è un grosso problema, devi assicurarti che questo processo venga eseguito correttamente e in modo professionale, quindi assicurati che il passaggio al tuo sito sicuro sia in buone mani.

Avere un tempo di caricamento del sito lento

Sebbene Google non abbia fornito metriche specifiche per dire cosa è «troppo lento», afferma che il 53 percento delle visite al sito web mobile viene abbandonato se non si carica in meno di 3 secondi.

Che cosa? Questa è la velocità della luce, amici miei.

So personalmente che questa è una lotta per la maggior parte dei siti Web: anche i grandi possono avere problemi di tempo di caricamento.

Se il tuo sito web non si carica rapidamente, le tue classifiche potrebbero subire un duro colpo perché Google vuole che gli utenti siano felici e i siti a caricamento rapido rendono felici gli utenti. Se il tuo sito si carica lentamente, è probabile che tu scenda in classifica e potrebbe essere difficile recuperare.

Puoi testare la velocità del tuo sito usando Test della velocità del sito di Google. Inserisci semplicemente il tuo URL e ti verranno forniti i risultati sia per un dispositivo mobile che desktop. La parte migliore? Google ti darà consigli su Esattamente quali correzioni devi apportare per migliorare la velocità del tuo sito. In alternativa, dai un’occhiata agli altri due strumenti gratuiti per il test della velocità della pagina descritti dal mio collega editorialista Marcus Miller.

Chiedere alle persone di fare clic qui

Sono sicuro che l’hai visto. Stai leggendo una pagina del sito web e vedi il famoso “Click qui per maggiori informazioni.» Quando utilizzi questo invito all’azione generico (CTA) come testo di ancoraggio, stai sprecando un’ottima opportunità per aumentare il tuo SEO.

Ogni volta che utilizzi il testo di ancoraggio su una pagina, assicurati di utilizzare un testo utile e pertinente per la persona che legge i tuoi contenuti. L’uso di parole chiave nel testo di ancoraggio può aiutare con la SEO perché Google tiene conto del testo di ancoraggio e dove va quel collegamento ipertestuale. Basta non esagerare riempiendo la tua pagina con un mucchio di link di testo di ancoraggio di parole chiave. Può essere percepito da Google come spam e può ritorcersi contro.

Sapevi che Google considera anche il contenuto attorno a un collegamento ipertestuale? Quindi assicurati che le parole intorno al testo di ancoraggio siano correlate alle parole chiave e al contesto del testo di ancoraggio.

Consiglio top secret: Puoi incorporare le indicazioni stradali di Google Maps come testo di ancoraggio. Questo è particolarmente utile per i tuoi visitatori nella tua pagina Contattaci. Per fare ciò, cerca la tua attività su Google e dovresti vedere il Knowledge Panel della scheda Google My Business della tua attività sul lato destro. Quindi, fai clic sulla mappa di Google:

Quindi, fare clic su Indicazioni:

Quindi, fai clic su e copia l’URL: è l’URL delle indicazioni stradali per la sede della tua attività:

Puoi quindi utilizzare quell’URL come link sulla tua pagina. Quindi nella tua pagina Contattaci, potresti scrivere qualcosa come «Ottieni indicazioni per Studio Legale Thomson & Thomson.” Non solo questo è un ottimo uso del testo di ancoraggio, ma dà anche a Google un segnale sulla posizione della tua attività locale, un bonus SEO locale extra!

Non si usano i tag alt dell’immagine

Internet è tutto testo, video e immagini. Utilizzi tutti quei pezzi per raccontare la storia della tua attività. Se non stai ottimizzando completamente le tue immagini, non stai facendo uno degli elementi più basilari del tuo lavoro SEO.

In effetti, John Mueller di Google suggerisce che l’utilizzo di tag alt è una best practice di Google e che i SEO dovrebbero utilizzare:

Quando selezioni cosa usare come tag alt, assicurati di descrivere l’immagine, non quello che vorresti che l’immagine mostrasse (cioè, non usare solo un mucchio di parole chiave per cui stai cercando di classificare.) Inoltre, non hai bisogno di trattini tra le parole nei tag alt, quindi scrivi semplicemente i tag alt come faresti con qualsiasi altra breve frase.

Consiglio top secret: Quando carichi immagini sul tuo sito web, non limitarti a utilizzare il nome del file di immagine generato casualmente che la tua fotocamera o la società di foto stock hanno fornito all’immagine. Rinominare l’immagine con parole chiave che descrivono la foto, come «unclogging-a-sink-drain.jpg».

Inoltre, se la foto è un’immagine che riguarda direttamente la posizione della tua attività, puoi geotaggare la foto stessa. Puoi utilizzare uno strumento come GeoTag My Photo per aggiungere una posizione geotag alla foto effettiva.

Non riuscire a implementare una mappa di Google

Riesci a credere che alcune attività commerciali non dispongano di una mappa di Google che mostri la sede della loro attività nella pagina «Contattaci» del loro sito web? (Invece di avere una mappa di Google, uno dei siti di un mio cliente aveva una mappa di Yahoo! nella sua «pagina Contattaci» – e questa è stata una delle prime cose che ho dovuto fare quando ho iniziato a lavorare sul loro SEO.)

Perché dovresti avere una mappa di Google sul tuo sito? Innanzitutto, vuoi che i clienti ti trovino facilmente. In secondo luogo, vuoi che Google possa trovare facilmente il tuo indirizzo fisico, in modo che possa inviare meglio il traffico al tuo sito web e alla tua attività quando i potenziali clienti eseguono una ricerca locale. Quale modo migliore di utilizzare Google Maps?

Per iniziare a creare la tua mappa di Google, prima vai su Google Maps e digita l’indirizzo per il quale desideri creare la mappa. Una volta visualizzato l’indirizzo, fai clic sul menu (sembra un hamburger).

Quindi, seleziona «Condividi» dal menu:

Quindi selezionerai «Incorpora una mappa». Puoi selezionare la dimensione della mappa come desideri che appaia sul tuo sito web.

Quindi copia semplicemente l’HTML per la tua mappa di Google e incollalo nell’HTML del tuo sito web.

Passando semplicemente da un Yahoo! Mappa su una mappa di Google sul sito del mio cliente, abbiamo riscontrato un picco nelle visualizzazioni di pagina!

Ignorare le pagine che non si classificano a pagina 1

Molte persone pensano che se le loro pagine attuali non si posizionano nella prima pagina di Google, devono semplicemente scrivere più pagine e poi cercare di ottenere quelli pagine per posizionarsi più in alto.

No! Perché sprecare sforzi quando è probabile che tu abbia già alcune pagine ad alto potenziale nel tuo arsenale che hanno solo bisogno di aiuto. Se hai pagine che si posizionano nella seconda pagina di Google per le tue parole chiave di destinazione, è probabile che, con un piccolo aiuto, tu possa classificare quelle pagine nella prima pagina.

Se ricevi clic su una pagina di «pagina due», vale la pena provare a far sì che quella pagina si posizioni più in alto. Per trovare pagine ad alto potenziale, accedi a Google Search Console e fai clic su Prestazioni. Assicurati di selezionare i filtri desiderati (avrai bisogno di query, clic, impressioni e posizione come minimo).

Se hai pagine che si posizionano dall’11° alla 20° posizione, allora hai la possibilità di farti strada verso la prima pagina, specialmente se ricevi clic e ci sono persone che cercano quella frase chiave.

Puoi utilizzare una varietà di strategie diverse per aumentare le pagine o i post di blog già esistenti sul tuo sito:

  • Aggiungi più contenuti per allungare il pezzo: punta ad almeno 1.500-2.000 parole.
  • Aggiorna la pagina per aggiungere nuove informazioni e più contenuti.
  • Aggiungi link a quella pagina da altre pagine che attualmente si posizionano nella prima pagina.
  • Crea nuove intestazioni con un uso migliore delle parole chiave.
  • Aggiungi nuovi esempi.
  • Includi più collegamenti esterni (con testo di ancoraggio opportunamente ottimizzato per il SEO) a siti altamente autorevoli. Prova a collegare almeno tre risorse di qualità pertinenti all’argomento della pagina.
  • Menziona gli influencer e collegali ai loro siti Web o post di blog (e assicurati di taggarli nei post sui social media per una maggiore visibilità).
  • Aggiungi nuove immagini e assicurati di ottimizzare quelle immagini con tag alt e altre strategie di ottimizzazione delle immagini.
  • Includere casi di studio che mostrano i risultati.
  • Aggiungi infografiche.

Aggiornando una pagina o un post di un blog che è vicino al posizionamento nella prima pagina rispetto alla scrittura di contenuti nuovi di zecca, aumenterai le tue probabilità di posizionamento nella prima pagina di Google.

Gli errori SEO accadono

Ammettiamolo: gli errori accadono. La cosa migliore che puoi fare è imparare dai tuoi (e degli altri) errori e scopri come trasformarli in opportunità. Buona fortuna!


Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore ospite e non necessariamente di Una Aguja En Un Pajar. Gli autori dello staff sono elencati qui.


Circa l’autore

Sherry Bonelli

Sherry Bonelli ha 19 anni di esperienza nel marketing digitale. È specializzata in SEO, Reputation Marketing, Social Media, Content Marketing, Retargeting e Display Advertising e altre strategie di marketing digitale integrato che contribuiscono al successo online delle aziende locali e nazionali. AMA combinare strategie digitali per ottenere risultati! Sherry ha conseguito un Master in Internet Marketing ed è spesso relatore in eventi e webinar del settore. È anche editorialista ospite sui principali siti Web di marketing digitale. Come mentore SCORE per il PUNTEGGIO Iowa . centro-orientale capitolo, le piace offrire volontariamente il suo tempo per aiutare le piccole e medie imprese con le loro strategie di marketing digitale. Sherry è il proprietario di marketing digitale anticipato, un’agenzia di marketing digitale che aiuta le aziende a farsi trovare su Internet. Serve anche come evangelista di ricerca locale di BrightLocal.

Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines analíticos. Contiene enlaces a sitios web de terceros con políticas de privacidad ajenas que podrás aceptar o no cuando accedas a ellos. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos. Configurar y más información
Privacidad
Abrir chat
Hola 👋
¿Necesitas una Página Web?