Ignorare queste 6 strategie SEO potrebbe tornare a perseguitarti

Halloween è dietro l’angolo. Presto vedrai piccoli fantasmi, folletti, streghe e aspiranti Donald Trump vagare per le tue strade in cerca di dolcetti. La SEO è molto simile a questi dolcetti o scherzetti: se sei abbastanza coraggioso da entrare nella spaventosa notte buia e bussare alle porte degli sconosciuti, Potevo essere ricompensato con chicche! La differenza? Per i professionisti SEO, ciò significa un posizionamento più elevato nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (non barrette di cioccolato a grandezza naturale).

Questo mese, in onore di Halloween, ho pensato che sarebbe stato spaventosamente divertente parlare di alcune strategie SEO che dovresti iniziare a implementare o affrontare le conseguenze da incubo.

Marcatura dello schema

L’obiettivo principale di Google (oltre a guadagnare con Google AdWords) è fornire ai propri utenti i migliori risultati di ricerca. Google lo fa utilizzando il suo complesso algoritmo per fornire i siti Web più pertinenti e di facile utilizzo relativi alla ricerca di un utente. Un modo per aiutare Google a trovare e comprendere informazioni specifiche sul tuo sito web è utilizzare il codice di markup dello schema.

Schema è semplicemente un altro modo per organizzare i dati/le informazioni sul tuo sito e fornisce a Google una tabella di marcia per i tuoi contenuti. (analogia di Halloween: Schema è come avere una torcia mentre si cammina attraverso una casa infestata: mette in evidenza il percorso che devi prendere per uscire dalla porta principale.)

Il markup dello schema ti consente di definire le diverse «cose» sul tuo sito web, come recensioni, informazioni sui prodotti, indirizzo della tua attività, risposte alle domande poste dalle persone, eventi e altro ancora. Il codice dello schema indica a Google esattamente di cosa trattano le tue pagine e può aiutare il tuo sito web a distinguersi nei risultati di ricerca.

L’applicazione dello schema non ha alcun impatto sugli utenti finali (non possono nemmeno vederlo), ma questi dati strutturati fa dire a Google ogni sorta di cose sui prodotti e sui servizi che offri sul tuo sito web. I motori di ricerca utilizzano i dati strutturati sul tuo sito per comprendere e visualizzare il contenuto in modo appropriato. Basta guardare il [bobbing for] ricetta croccante di mele di seguito per vedere un esempio di un risultato di ricerca di rich snippet di ricetta:

Ora, so per esperienza personale che, per molti SEO, la programmazione è semplicemente spaventosa. Per rendere più facile alle persone non tecniche, usando JSON-LD contrassegnare le pagine è un modo più semplice per andare. (JSON-LD, che sta per JavaScript Object Notation for Linked Data, è anche il linguaggio di markup preferito di Google ed è uno dei codici schema più facili da implementare.) Lo schema JSON-LD «descrive la struttura di altri dati» su una pagina ed è più facile per le persone leggere e scrivere.

Ecco il codice dello schema JSON per le informazioni su una persona (nome, cognome, compleanno e così via):

Codice dello schema JSON

Se il pensiero di programmare ti spaventa ancora a morte, non preoccuparti. Esistono strumenti, come Schema App e un altro di Hall Analysis, che possono rendere molto più semplice l’implementazione dello schema sul tuo sito web. Questi strumenti ti aiutano a creare codice di markup dello schema e non richiedono che tu sia un esperto del linguaggio Schema.org.

HTTPS

Nel caso in cui non l’avessi notato, Google ha iniziato a mostrare avvisi su pagine web non sicure (HTTP). Quando le persone vedono un avviso come questo proveniente da Google, è come se Freddy Krueger saltasse fuori da un armadio e spesso si spaventano e lasciano il tuo sito.

Sito non sicuro

(NOTA: i dettagli dell’URL del sito web sono sfocati per proteggere l’identità della vittima.)

Perché così tante aziende hanno rimandato il passaggio a un sito sicuro? Una parola: PAURA.

Secondo Greg Apel, uno sviluppatore web con più di 16 anni di esperienza, “Molte persone pensano erroneamente che ‘rendere sicuro il proprio sito’ significhi semplicemente acquistare un certificato SSL e il gioco è fatto. Non è così». Apel ha continuato: “Sfortunatamente, le società di hosting non stanno aiutando. Una società di hosting mi ha recentemente contattato e ha cercato di vendermi un certificato SSL per uno dei miei domini. Ho informato il rappresentante di vendita che sta ingannando i consumatori [by failing to tell business owners that they need more than a certificate]. Non è giusto per gli ignari imprenditori che non sanno niente di meglio».

Sfortunatamente, il passaggio a un sito sicuro comporta più del semplice acquisto di un certificato. È un processo tecnico che richiede molti passaggi e un grande investimento di tempo e pianificazione.

Qui ci sono solo un poche cose devi fare per passare da HTTP a HTTPS se hai un sito WordPress:

  • Modifiche al modello del databaseNota: tutte le istanze delle voci del database contenenti il ​​modello di stringa «http://» devono essere modificate in «https://».
  • Pattern http:// codificati in CSS/PHPNota: potrebbero esserci casi in cui i codici nei file CSS e PHP hanno stringhe http:// hard-coded invece di variabili che rappresentano il protocollo di trasferimento. Potrebbe essere necessario modificarli manualmente e ricaricarli sul server affinché il sito funzioni correttamente.
  • .htaccess mod-rewrite: Il file .htaccess è dove vengono scritte le istruzioni e dice al server come gestire le stringhe URL.
  • .htaccess 301: I reindirizzamenti 301 vengono inseriti nel file .htaccess in coppie di URL vecchi/nuovi separati da nuove righe per ogni voce.
  • Modifica del certificato SSL, configurazione del server, configurazione di WordPress: Accedi all’host del dominio, seleziona il certificato che modifica l’indirizzo IP del sito Web, assicurati che il server sia configurato correttamente per la modifica, modifica eventuali impostazioni in WordPress e installa un plug-in SSL.
  • Propagazione del dominio/monitoraggio delle risorse: Ciò comporta la verifica della propagazione completa del cambio di dominio (go live) – che potrebbe richiedere fino a 48 ore – e il controllo del sito Web per le risorse (immagini, collegamenti e così via) che non riflettono la modifica all’https:// protocollo. Le immagini e i file che non riflettono la modifica (risorse con collegamenti ipertestuali e hardcoded) genereranno errori.

Sopraffatto?

Anche se sembra un vero incubo passare a HTTPS, Google continuerà a mostrare i flag di avviso ai ricercatori. Il ricercatore medio probabilmente non ha idea di cosa significhino HTTP e HTTPS, ma se Google afferma che un sito non è sicuro, è probabile che lasceranno il tuo sito più velocemente di una babysitter inseguita da Michael Myers.

HTTPS non è facile, ma sta diventando una necessità.

Google+

Sei attivo su Google+? Molte persone ignorano la piattaforma di social media di Google perché pensano che sia una zona morta. Non vero! Google+ non è il massimo popolare piattaforma di social media, ma è è quello di cui le persone sono più soddisfatte, secondo un sondaggio dell’American Customer Satisfaction Index.

Ho sempre detto che dovresti prestare attenzione a nulla Google lo fa e Google+ è uno di questi. Molte persone non si rendono conto che ogni post che pubblichi su Google+ ha un URL univoco e può essere visualizzato nei risultati di ricerca di Google. Ciò significa che se crei regolarmente post ricchi di parole chiave sul tuo account Google+, puoi migliorare il tuo posizionamento nelle ricerche su Google.

Si ritiene che Google classifichi persino i post di Google+ più in alto quando si tratta di SEO rispetto ad altri canali di social media. Ciò significa che i tuoi post di Google+ hanno maggiori probabilità di essere visualizzati nei risultati di ricerca rispetto ai post che pubblichi su altre piattaforme di social media.

Post di Google Plus

Google+ è anche un ottimo modo per attirare più attenzione sulle attività commerciali locali (ad esempio, tramite il «Carosello locale» che viene visualizzato nei risultati di ricerca di Google locali). Se desideri aumentare le visite sul tuo sito web, creare e condividere contenuti su Google+ e ottenere di più I +1 potrebbero essere proprio quello di cui hai bisogno.

Ricerca vocale

La ricerca vocale è in aumento. Secondo Google, il 20% delle ricerche sulla sua app mobile e sui dispositivi Android sono ricerche vocali. Il numero totale di ricerche vocali è maggiore quando si aggiungono assistenti personali come Echo di Amazon, Google Home, Siri e Cortana, strumenti basati esclusivamente sul riconoscimento vocale.

Quando si tratta di creare contenuti, l’ottimizzazione della ricerca vocale richiede un modo di pensare diverso. Ora è il momento di iniziare a scrivere e ottimizzare il contenuto del tuo sito per la voce in modo da poter fornire ai clienti le migliori risposte alle loro domande vocali.

Ricerca vocale di Google

Per ulteriori informazioni sull’ottimizzazione dei contenuti per la ricerca vocale, vedere Strategie essenziali di ricerca vocale per il 2017.

Audit del sito

Secondo lo State of Digital Marketing 2017 di Search Engine Journal, solo il 43% dei professionisti SEO esegue sempre un audit del sito per i nuovi clienti. È spaventoso!

Audit SEO

Non eseguire un controllo del sito è come entrare in un cimitero di notte: semplicemente non sai in cosa ti imbatterai! Per eseguire qualunque Progetto SEO con successo, devi sapere a cosa stai andando incontro. Un audit del sito SEO è uno degli unici modi in cui puoi identificare i problemi di ricerca che dovrai affrontare.

La maggior parte degli strumenti SEO sul mercato ha una funzione di audit SEO che identifica eventuali problemi che un sito potrebbe avere quando si tratta di essere indicizzato e posizionato sui motori di ricerca.

Audit del sito di SEMrush

All’inizio di qualsiasi progetto di ottimizzazione della ricerca, è necessario dedicare del tempo per eseguire un controllo completo del sito in modo da conoscere i problemi prima di iniziare. Questo controllo fungerà anche da elenco di controllo e sarà un controllo di responsabilità. Questi audit sono anche ottimi per mostrare ai tuoi clienti esattamente cosa hai fatto per aiutarli a posizionarsi più in alto su Google, Yahoo, Bing e altri motori di ricerca.

Bing

A proposito di Bing… All’inizio, Bing potrebbe sembrare l’ultimo sopravvissuto in un film dell’orrore: non sei mai abbastanza sicuro che arriveranno ai titoli di coda. Ma fortunatamente, Bing è ancora vivo e vegeto.

Secondo l’Explicit Core Search Share Report di luglio di comScore (solo desktop), Bing detiene il 23% della quota di mercato della ricerca. Il 23 percento è ancora un numero enorme, ed è uno che non dovresti ignorare.

Ecco alcuni motivi per cui dovresti concentrare sforzi specifici sul posizionamento del tuo sito per Bing:

  • C’è meno concorrenza, quindi è più facile classificare.
  • Puoi vedere i risultati della classifica più velocemente.
  • Gli annunci a pagamento sono meno costosi.
  • Sono più trasparenti su come classificano i siti e cosa devi fare per rango più alto.
  • Bing Places for Business è un modo semplice per ottenere maggiore visibilità locale.
  • La dashboard dell’agenzia ti consente di gestire tutte le sedi di Bing Places for Business in un unico punto.

Bing Places per gli affari

Proprio come Google+, Bing non è qualcosa che dovrebbe essere ignorato.

Così il gioco è fatto! Sei strategie SEO che dovresti implementare o affrontare le conseguenze. Cosa ne pensi? Stai utilizzando una di queste strategie SEO? Qual è il più spaventoso per te? Ci piacerebbe il tuo feedback.


Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore ospite e non necessariamente di Una Aguja En Un Pajar. Gli autori dello staff sono elencati qui.


Circa l’autore

Sherry Bonelli

Sherry Bonelli ha 19 anni di esperienza nel marketing digitale. È specializzata in SEO, Reputation Marketing, Social Media, Content Marketing, Retargeting e Display Advertising e altre strategie di marketing digitale integrato che contribuiscono al successo online delle aziende locali e nazionali. AMA combinare strategie digitali per ottenere risultati! Sherry ha conseguito un Master in Internet Marketing ed è spesso relatore in eventi e webinar del settore. È anche editorialista ospite sui principali siti Web di marketing digitale. Come mentore SCORE per il PUNTEGGIO Iowa . centro-orientale capitolo, le piace offrire volontariamente il suo tempo per aiutare le piccole e medie imprese con le loro strategie di marketing digitale. Sherry è il proprietario di marketing digitale anticipato, un’agenzia di marketing digitale che aiuta le aziende a farsi trovare su Internet. Serve anche come evangelista di ricerca locale di BrightLocal.

Esta web utiliza cookies propias y de terceros para su correcto funcionamiento y para fines analíticos. Contiene enlaces a sitios web de terceros con políticas de privacidad ajenas que podrás aceptar o no cuando accedas a ellos. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos. Configurar y más información
Privacidad
Abrir chat
Hola 👋
¿Necesitas una Página Web?